• Libro
  • Libro
    Edizione cartacea
    ISBN 9788882272081
    2006, 273 pp.
    € 16,00  € 15,20
    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

"Fedeltà allo spirito e novità di forme era il desiderio che abitava alcuni uomini e donne di Dio nella chiesa della prima metà del secolo scorso: pochi di numero, poveri per scelta, ma ricchi di quella audacia evangelica che viene dall'assiduità con la Parola, dal sapersi totalmente nelle mani di Dio, dall'offrirsi nella gratuità e nella semplicità ai disegni dell'Altissimo... È qui raccolta la corrispondenza, finora inedita, tra due dei testimoni più luminosi di quella stagione: Giovanni M. Vannucci, frate servita raccolto nel suo eremo delle Stinche, e sorella Maria di Campello, la Minore, 'allodola' dall'incessante canto di lode. Un unico afflato spirituale che attraversa gli anni dal 1947 al 1961, dall'immediato dopoguerra fino alla vigilia del concilio, quella 'novella Pentecoste' annunciata nel gennaio del 1959 da Giovanni XXIII e così a lungo desiderata dai cristiani e da tutti 'gli uomini di buona volontà'. E 'delle gioie e delle speranze, delle tristezze e delle angosce' di quegli anni è voce pacata e pacificante: 'voce di silenzio trattenuto' di cui abbiamo ancora oggi tanto bisogno (dalla “Prefazione”).

L’inedito carteggio tra sorella Maria e padre Vannucci lascia le tracce di una profonda avventura spirituale del nostro tempo.