• Libro
  • Libro
    Edizione cartacea
    ISBN 9788882272746
    2008, 136 pp.
    € 8,00  € 6,40
    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

Queste pagine scaturiscono da un’idea originale: la teologia biblica deve essere il grembo entro cui cresce la riflessione teologica, poiché quest’ultima non è nient’altro che interpretazione del linguaggio simbolico della Bibbia.

Il linguaggio figurato ha un peso determinante nel parlare biblico su Dio: di Dio si dice che ha occhi e mani, che ha passione e tenerezza. E questo ci conduce a un’immagine di Dio del tutto differente da quella del Dio dei filosofi: un Dio soggetto, invece che un Dio oggetto, un Dio persona, invece che un Dio forza, un Dio per l’uomo, invece che un Dio in sé.

Autore

Armido Rizzi
Armido Rizzi (1933-2020) è stato membro della direzione di Filosofia e teologia e della redazione di Servitium e di Rivista di teologia morale. La sua apprezzata riflessione teologica non si pone accanto ma dentro la Bibbia, e spazia su temi di confine fra teologia e problematiche antropologiche, in cui si incrociano il religioso, l’etico ...