• Libro
  • Libro
    Edizione cartacea
    ISBN 9788882273989
    2013, 115 pp.
    € 15,00  € 14,25
    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

“Con questo libro l’autore affronta una sfida coraggiosa e difficile: rivolgersi a credenti ma anche a non credenti con le parole del Padre nostro, la preghiera cristiana per eccellenza, quella che Tertulliano chiamava ‘compendio dell’intero vangelo’. L’autore coglie nel Padre nostro una luce per l’umano in quanto tale, una traccia per il cammino dell’uomo in quanto uomo, ancor prima delle sue credenze e delle sue appartenenze confessionali. L’idea che rende possibile una simile impresa è che questa preghiera esprima l’umanità dell’uomo, sicché ogni essere umano può trovarsi rappresentato nel Padre nostro ... La parola poetica, quella parola che sola riesce a sostenere il peso dell’essere, è ciò che meglio può fare eco alle parole semplici e inesauribili del Padre nostro” (dalla “Prefazione”).

  • Leggi un estratto Leggi un estratto Leggi un estratto
Indice
  • Piccolo prologo
  • Il grido. “Quando pregate”
  • Dio è a Parigi? “Pregate così”
  • L’evaporazione del Padre. “Padre”
  • Un padre che diventa nostro. “Padre nostro”
  • Dove sei? “Che sei nei cieli”
  • Dare un nome senza che si perda l’indicibile. “Santificato sia il tuo nome”
  • Imparare a vivere del desiderio di Dio. “Venga a noi il tuo Regno”
  • Abbiamo da vivere un’infanzia ancora. “Sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra”
  • Le nostre vite si alimentano di vita condivisa. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”
  • Dio ha fede in noi. “Rimetti a noi i nostri debiti”
  • Una decisione unilaterale di amore. “Come noi li rimettiamo ai nostri debitori”
  • La quarta tentazione. “E non ci abbandonare alla tentazione”
  • La ferita è feconda. “Ma liberaci dal male”
  • Osiamo dire. Versioni del Padre nostro
Autore

José Tolentino Mendonça
José Tolentino Mendonça (Funchal, Portogallo, 1965), presbitero, poeta affermato, specialista in studi biblici e docente, è stato responsabile nazionale per la pastorale della cultura, e dal 2011 al 2022 è stato consultore del Pontificio consiglio per la cultura. Ricevuta nel 2018 l’ordinazione episcopale, è stato creato cardinale ...