• Libro
  • Libro
    Edizione cartacea
    ISBN: 9788882274856
    2016, 257 pp.
    € 22,00  € 20,90
    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

Dopo cinquecento anni dalla riforma di Lutero, oggi comprendiamo che la riforma non si limita a un evento del passato, essa è una necessità perenne: l’adagio dei padri ecclesia semper reformanda rimane sempre valido!
Non è un’opzione, ma un’urgenza del vangelo: la chiesa deve riformarsi, affinché con tutti i suoi membri cresca in una maggiore fedeltà al Signore.

Nel quinto centenario della riforma, questa raccolta vuole allargare lo sguardo a tutte le chiese, tenendo presente in particolare la chiamata rivolta oggi a ognuna: una riforma volta a radunare nella visibilità di un unico corpo ecclesiale tutti i figli di Dio dispersi, per ritrovare un’unità veramente plurale e sinfonica.

  • Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine
Indice
  • Hans-Christoph Askani, "'Ecclesia semper reformanda'?"
  • Luciano Manicardi, "Riformare: elementi spirituali"
  • Saverio Xeres, "La riforma come dimensione essenziale della chiesa: panoramica storica"
  • Paolo Ricca, "Perché la riforma del XVI secolo?"
  • Angelo Maffeis, "Che cosa dice la riforma protestante alla chiesa cattolica oggi?"
  • Daniel Moulinet, "La riforma della chiesa cattolica nel Vaticano II: un appello rivolto agli osservatori protestanti?"
  • Jean-François Chiron, "Conversione e riforma nella chiesa cattolica dopo Yves Congar"
  • Élisabeth Parmentier, "Le chiese tra bisogni di riforme e timori identitari: come proseguire insieme?"
  • Pierre Gisel, "Sfide attuali: quale profilo e quale servizio per la chiesa nella società contemporanea?"
  • Gottfried Hammann, "Ritrovare la cattolicità delle nostre chiese confessionali: un progetto di riforma per il nostro tempo?"
Autore

Luciano Manicardi
Luciano Manicardi (Campagnola Emilia 1957), biblista, priore di Bose dal 2017 al 2022, collabora a varie riviste di argomento biblico e spirituale. Attento all’intrecciarsi dei dati biblici con le acquisizioni più recenti dell’antropologia, riesce a far emergere dalla Scrittura lo spessore esistenziale e la sapienza di vita di cui è portatrice.