"Nello suo sforzo quotidiano di conformarsi alla volontà del Signore, ardente fautore di un'unità dei cristiani fondata non sulla spinta affettiva o sulla tendenza opportunistica alla coalizione, bensì sulla forza della debolezza, padre Matta el Meskin non si è mai stancato di ricercare vie di pace e di comunione che trovano la loro origine nel comune sottomettersi alla volontà di Dio" (dalla "Prefazione").

In occasione del decimo anniversario della morte di abuna Matta el Meskin, questo volume raccoglie i contributi di monaci, studiosi dei padri del deserto e del monachesimo, figli spirituali e discepoli di abuna Matta, storici e architetti, che ci presentano uno spaccato ad ampio spettro di questa figura di "padre del deserto", capace di parlare agli uomini e alle donne del nostro tempo, al di là di ogni barriera confessionale.

Ad arricchire le testimonianze, i ricordi offerti da alcune pagine del diario di viaggio del pittore di fama internazionale William G. Congdon.

  • Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine
Indice
  • Epiphanius el Makari, "L'eredità umana e spirituale di padre Matta el Meskin"
  • Anthony O’Mahony, "Una vita di kenosi"
  • Fouad Naguib, "La libertà in Dio secondo Matta el Meskin"
  • Yuhanna el Makari, "Una vita insieme al mio padre spirituale"
  • Alberto Elli, "Matta el Meskin e la chiesa copta ortodossa"
  • John Watson, "Un mistico del deserto contemporaneo"
  • Hani Hanna, "La teologia delle Scritture di Matta el Meskin"
  • Wadid el Makari, "Matta el Meskin e la vita monastica"
  • Samuel Rubenson, "Matta el Meskin e la riscoperta dei padri nella chiesa copta"
  • Basilios el Makari, "La fede epifanica secondo Matta el Meskin"
  • Markos el Makari, "'Io, preghiera' (Sal 109,4): Matta el Meskin e la preghiera"
  • Ayda Nassif, "Potere religioso e potere politico secondo Matta el Meskin"
  • Domenico Luciani, "Da Abū Maqār a Matta el Meskin: lunga durata e rifondazione di un luogo del monachesimo copto"
  • Nasr Hamid Abu Zayd, Gabir ῾Asfur, Huda Wasfi, "Sul senso figurato spirituale: in dialogo con Matta el Meskin"
  • William Congdon, "Memorie di una vita a San Macario (1977)"
  • Guido Dotti, "Abuna Matta el Meskin nella vita di un monaco d'occidente"
  • Peter Halldorf, "L'ecumenismo di Matta el Meskin"
  • Mario Abou Daher, "Monaco asceta ed esperto teologo"
  • Nikolaos Kouremenos, "L'insegnamento di Matta el Meskin alla luce della spiritualità ortodossa greca"
  • Adel Yussef Sidarus, "Rinnovamento monastico e ricentramento antropologico presso i copti d'Egitto"
  • Ugo Zanetti, "Ricordi di un soggiorno a San Macario (1980-1982)
Autori

Mario Abou Daher
Mario Abou Daher è un presbitero melchita (greco-cattolico) e parroco della chiesa di San Giuseppe ad Alessandria.

Basilios el Makari
Basilios el Makari, discepolo di Matta el Meskin, è monaco del Monastero di San Macario il Grande dal 1973.

Guido Dotti
Guido Dotti (Milano 1953), monaco di Bose, è delegato diocesano per l’ecumenismo e il dialogo della diocesi di Biella, e membro della consulta dell’Ufficio nazionale per l’Ecumenismo e il dialogo della Conferenza episcopale italiana. Dal 2015 è membro del Theological Study Process Working Group per il Pellegrinaggio di Giustizia e Pace del Consiglio ecumenico delle chiese (WCC).

Alberto Elli
Alberto Elli (Milano 1952) è un ingegnere, coptologo ed egittologo. Dopo aver conseguito una buona padronanza delle più diffuse lingue moderne e classiche, ha cominciato a studiare la lingua egizia in tutte le sue fasi storiche. In seguito allo studio del copto si è occupato della storia della chiesa copta, in particolare e delle chiese orientali in generale.

Epiphanius el Makari
Epiphanius di san Macario è stato abate del Monastero di San Macario il Grande nel deserto di Scete dal 2013 al 2018. Discepolo di anba Matta el Meskin, ha pubblicato numerosi studi di interesse monastico, biblico, liturgico e patristico. Il 29 luglio 2018 è stato assassinato attorno alle tre del mattino mentre si recava a presiedere la liturgia eucaristica domenicale.

Peter Halldorf
Peter Halldorf (1958) è un pastore pentecostale svedese e scrittore. È noto per aver esplorato la patristica, in particolare i padri del deserto, in un contesto pentecostale. Il suo interesse lo ha portato a essere soprannominato "Il monaco pentecostale" e mantiene legami di tipo ecumenico, anche con monasteri copti.

Nikolaos Kouremenos
Nikolaos Kouremenos è un teologo greco-ortodosso, coptologo, collaboratore scientifico della Facoltà di teologia dell’Università di Atene.

Domenico Luciani
Domenico Luciani è architetto paesaggista, direttore della Fondazione Benetton Studi Ricerche (Treviso) dal 1987 al 2009, ideatore e responsabile del premio internazionale Carlo Scarpa per il giardino dal 1990 al 2014.

Ayda Nassif
Ayda Nassif è docente di filosofia e vicepreside del Dipartimento di scienze umane del seminario dei copti ortodossi presso Anbā Ruways a ῾Abbāsiyya (Il Cairo). È anche docente di filosofia cristiana e medievale presso la Facoltà di lettere dell’Università del Cairo, sede di Khartoum.

Samuel Rubenson
Samuel Rubenson (1955) è professore di storia della chiesa presso l’Università di Lund (Svezia) e pastore luterano.

Adel Yussef Sidarus
Adel Yussef Sidarus (1941) è un coptologo, arabista e islamista. Professore emerito all’Università di Evora (Portogallo) e membro dell’Istituto di studi orientali dell’Università cattolica portoghese di Lisbona.

Huda Wasfi
Huda Wasfi (1944), critica letteraria e intellettuale egiziana, è docente all’Università di ῾Ayn Shams.

John Watson
John H. Watson (1938-2014) è stato un prete anglicano, noto coptologo e opinionista di alcuni quotidiani e riviste copti come Watanī, Le monde copte, Coptic Church Review. Nel 2006, poco dopo il passaggio alla vita eterna di padre Matta el Meskin, ha scritto una delle elegie più belle in sua memoria. Avremmo voluto invitarlo al convegno su Matta el Meskin ma, al momento di cercarlo, abbiamo saputo che lo aveva raggiunto in cielo.

Ugo Zanetti
Ugo Zanetti è un monaco di Chevetogne e uno dei maggiori conoscitori e studiosi del mondo copto.

Nasr Hamid Abu Zayd
Nasr Hamid Abu Zayd (1943-2010), egiziano, è stato un teologo liberale musulmano e un accademico; è noto soprattutto per aver teorizzato un approccio critico all’ermeneutica del Corano. Accusato di apostasia, dal 1995 ha insegnato come docente universitario a Utrecht e a Leiden.

Gabir ῾Asfur
Gabir ῾Asfur (1944-2021) è stato scrittore, critico letterario, semiologo, filosofo e docente universitario egiziano.

William Grosvenor Congdon
William Grosvenor Congdon (Providence, Stati Uniti, 1912–Milano 1998) è uno dei più profondi pittori del Novecento, naturalizzato italiano, ma sempre americano nell'attitudine artistica.

Hani Hanna
Hani Hanna (1970), ministro presbiteriano, è docente di teologia sistematica presso il seminario teologico evangelico del Cairo.

Fouad Naguib
Fouad Naguib, di formazione architetto, è scrittore e caporedattore della rivista bilingue arabo-inglese Kalimat al-hayāh/The Word of Life, pubblicata negli Stati Uniti e in Canada.

Anthony O’Mahony
Anthony O’Mahony è docente di teologia e storia del cristianesimo presso l’Heythrop College della University of London. Tra i suoi interessi di ricerca troviamo la storia moderna e la situazione contemporanea del cristianesimo orientale, compresa la teologia e l'ecclesiologia, il dialogo ecumenico tra le chiese orientali e occidentali, le relazioni cristiano-musulmane-ebraiche, la storia religiosa e politica di Gerusalemme.

Wadid el Makari
Wadid el Makari, discepolo di Matta el Meskin, è monaco del Monastero di San Macario il Grande dal 1970.

Yuhanna el Makari
Yuhanna el Makari è stato discepolo di Matta el Meskin. Ha ricevuto l’abito monastico a Wādī al-Rayyān nel 1967; è monaco del Monastero di San Macario il Grande dal 1969.