• Libro
  • Libro
    Edizione cartacea
    ISBN: 9788882275754
    2021, 359 pp.
    € 35,00  € 33,25
    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

La vita in Cristo è il senso ultimo della vocazione cristiana, il centro dell'annuncio della buona notizia che Gesù Cristo è il dono di Dio all'umanità, per la vita e la resurrezione del mondo. La vocazione cristiana non è l'immissione in un cerchio chiuso di eletti, ma la dilatazione del cuore ai confini del mondo, alla totalità della storia. La vita in Cristo è la testimonianza possibile per una vita piena di senso, una speranza sempre presente nel cuore dell'umanità e del creato.

Il presente volume, che raccoglie gli Atti del XXVII Convegno ecumenico internazionale di spiritualità ortodossa, esplora il senso della vocazione cristiana nella chiesa, nel mondo e nel tempo presente, secondo la tradizione cristiana d'oriente e d'occidente.

  • Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine
Indice
  • Enzo Bianchi, "La vocazione cristiana"
  • Ilarion (Alfeev), "La vita in Cristo"
  • Arsenij (Sokolov), "'Le mie parole sulla tua bocca'" (Ger 1,9). Vocazione e profezia"
  • John Fotopoulos, "'Non guardate a ciò che vi sta alle spalle, tutti protesi al fine della chiamata celeste di Dio in Cristo Gesù' (Fil 3,13-14)"
  • Bassam Nassif, "La chiesa corpo di Cristo e i carismi del popolo di Dio"
  • Julija Vidović, "Il carisma della donna nella chiesa"
  • Despina D. Prassas, "Vocazione cristiana come incontro. Gesù e le donne"
  • Andrei (Andreicuţ), "Il senso della speranza cristiana"
  • Sebastian Brock "La bellezza nella vita cristiana: Efrem il Siro"
  • Peter Bouteneff "La bellezza nella vita cristiana: l’esperienza del perdono"
  • Stephen Headley, "La chiamata alla vita in cristo nel 'typikón' di san Saba (439-532). Un saggio interpretativo di teologia liturgico-pastorale"
  • Porfirije (Perić), "La teologia ortodossa della vocazione monastica"
  • Nektarios (Antonopoulos), "La vocazione monastica nella chiesa greca oggi"
  • Michel Van Parys, "La vocazione monastica in occidente oggi"
  • Sil’vestr (Stojčev), "Il fenomeno del monachesimo dotto e l’accademia teologica di Kiev (XIX-inizio XXI secolo). Rapporto con la tradizione monastica e tratti specifici"
  • Angaelos di Londra, "La vocazione monastica nella chiesa copta ortodossa"
  • John Behr, "Monachesimo e matrimonio: una comune vocazione di testimoni"
  • Athenagoras Fasiolo, "La vocazione di una comunità cristiana"
  • Aristotle Papanikolaou, "Vocazione cristiana e vita della polis"
  • Christos Yannaras, "La vita in cristo: comprensione o partecipazione?"
Autori

Ilarion Alfeev
Ilarion Alfeev (Mosca 1966), già vescovo di Vienna e Austria per i russi ortodossi, ora metropolita di Volokolamsk e presidente del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca. Esperto di patristica, ha conseguito il dottorato in filosofia presso l’Oxford university e in teologia all’Institut Saint Serge di Parigi; stimato musicista e membro della Commissione teologica sinodale del Patriarcato ortodosso russo, è vescovo ausiliare di Mosca incaricato dei rapporti con gli organismi europei a Bruxelles.

Andrei Andreicuţ
Andrei Andreicuţ (Oarța de Sus, Romania, 1949), metropolita di Cluj, Maramures e Salaj, è tra i fondatori dell’Università “1° dicembre 1918” di Alba Iulia. In questa università e in quella di Babeş-Bolyai di Cluj-Napoca insegna morale e spiritualità ortodossa. Ha fondato e presiede diversi centri di ricerca teologica. È membro del Sinodo permanente della chiesa ortodossa romena.

Angaelos di Londra
Angaelos di Londra è nato al Cairo nel 1967, ma è emigrato con la famiglia ancora bambino in Australia. Qui si è laureato in scienze politiche, filosofia, sociologia e diritto. Nel 1990 è tornato in Egitto per entrare nel monastero di San Bishoi a Wadi el-Natroun. Segretario personale del patriarca Shenuda III, è stato poi inviato, nel 1995, nel Regno Unito, per servire come parroco in diverse comunità. Nel 2017 è stato nominato arcivescovo della diocesi copta di Londra. L’impegno a favore della libertà religiosa è valso ad anba Angelos il conferimento da parte della regina Elisabetta del titolo di ufficiale per "servizi alla libertà religiosa internazionale"; mentre gli sforzi nel dialogo ecumenico gli hanno fatto attribuire dall’arcivescovo di Canterbury la Croce di Lambeth. L’arcivescovo Angelos è particolarmente attivo anche nella pastorale giovanile e interviene spesso in conferenze e ritrovi per giovani a livello internazionale.

Nektarios Antonopoulos
Nektarios Antonopoulos (Amarusio, Grecia, 1952), monaco dal 1976, entrò l’anno successivo nel Monastero della Trasfigurazione di Sagmata. Nel 1983 fu ordinato presbitero, incardinato nella diocesi di Tebe e nel 1991 fu eletto igumeno del monastero della Trasfigurazione. Dal 2013 è vescovo metropolita dell’Argolide, con sede a Nauplia.

John Behr
John Behr (1966) è un presbitero e teologo britannico ortodosso. Dopo aver insegnato patristica, dogmatica ed esegesi biblica alla Fordham university di New York e al St Vladimir’s orthodox theological seminary di Crestwood (NY), è attualmente professore alla Durham University. È curatore della collana patristica pubblicata dalla St Vladimir's Press.

Enzo Bianchi
Enzo Bianchi (Castel Boglione 1943), fondatore della Comunità monastica di Bose, è autore di numerosi testi sulla spiritualità cristiana e sulla grande tradizione della chiesa.

Peter Bouteneff
Peter Bouteneff è docente di teologia sistematica presso il St Vladimir’s Orthodox Seminary negli Stati uniti. Diplomatosi in musica nel 1983, in seguito, ottenne la laurea in teologia presso il St Vladimir e il dottorato a Oxford sotto la guida di Kallistos Ware. Ha lavorato a lungo nel dialogo teologico ed è stato segretario di Fede e costituzione presso il Consiglio ecumenico delle chiese. È responsabile editoriale della collana Foundations della SVS Press e dirige l’Arvo Pärt Project presso l’istituto St Vladimir, organizzando concerti, corsi e pubblicazioni.

Sebastian P. Brock
Sebastian Paul Brock (Londra 1938), dopo gli studi delle lingue classiche (greco e latino) e orientali (ebraico e aramaico) alla University of Cambridge, ha conseguito il dottorato in filologia all’Oxford university. Ha insegnato nel Dipartimento di teologia della University of Birmingham e, dal 1974 fino al 2003, nella facoltà di studi orientali a Cambridge e Oxford. È membro del Comitato editoriale di Sobornost/Eastern Churches Review e curatore della Collezione Mingana di manoscritti a Birmingham. È uno dei massimi esperti di lingua e letteratura siriaca.

Athenagoras Fasiolo
Athenagoras Fasiolo è archimandrita del Trono ecumenico e responsabile del Vicariato arcivescovile di Toscana e Liguria della Sacra arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta. È inoltre rettore del Monastero di Santa Barbara megalomartire in Montaner di Sarmede (Treviso). Partecipa regolarmente a convegni e incontri teologici ed ecumenici, in Italia e all’estero.

John Fotopoulos
John Fotopoulos, biblista, è professore associato presso il Dipartimento di studi religiosi del Saint Mary’s College a Notre Dame, IN. Il suo interesse per il Nuovo Testamento e, in particolare, per la figura storica di Gesù, nonché per gli scritti paolini, è materia di insegnamento nel suo incarico universitario.

Stephen Headley
Stephen Headley (Bryn Mawr, Pennsylvania, 1943) è un antropologo sociale e un presbitero della chiesa ortodossa russa. Dopo la laurea in studi orientali (cinese e sanscrito) alla Columbia University nel 1969, ha continuato gli studi a Parigi con un master in filologia sanscrita all’Ecole Pratique nel 1972 e un dottorato in antropologia sociale alla Sorbona nel 1979. Nel frattempo, ha studiato teologia al seminario St Vladimir di New York e all’Institut St Sèrge di Parigi. Dal 2008 è coinvolto nel gruppo di ricerca dell’antropologo Louis Dumont. Tra il 2006 e il 2010 ha insegnato a Mosca e ha intrapreso studi antropologici sulla vita parrocchiale.

Bassam A. Nassif
Bassam Nassif è presbitero della chiesa ortodossa di Antiochia e professore di teologia pastorale all’Istituto di teologia San Giovanni Damasceno dell’Università di Balamand dove, dal 2015, è anche coordinatore del baccellierato in teologia. Quale presbitero della chiesa ortodossa di Antiochia, si preoccupa di integrare la teologia pastorale della chiesa ortodossa con la ricerca e l’esperienza delle scienze umane, che conduce alla formazione di una cura pastorale terapeutica. Fondandosi sulla ricerca scientifica e sulla ricca tradizione della chiesa, egli cerca di offrire un approccio moderno alla pastorale. Dal 2015, dirige un progetto di ricerca sulle implicazioni pastorali della postmodernità sul matrimonio e la vita familiare.

Aristotle Papanikolaou
Aristotle Papanikolaou (Chicago, Illinois, 1967) è co-fondatore e senior fellow al Fordham’s Orthodox Christian Studies Center e al Center for The Study of Law and Religion presso l’Università di Emory. Nel 2012, ha ricevuto il premio di eccellenza per l’insegnamento universitario in discipline umanistiche. È appassionato di letteratura russa e di musica bizantina. Le sue aree di conoscenza comprendono la teologia ortodossa orientale, la teologia trinitaria, e la religione nella vita pubblica. Sta elaborando uno studio sulla relazione tra antropologia teologica, violenza e virtù etiche. La sua ricerca esplora, in particolare, la rilevanza del dire la verità (confessione) per comprendere cosa significhi essere umani.

Porfirije Perić
Porfirije Perić (Becej, Serbia, 1961), metropolita di Zagreb-Ljubljana, è divenuto monaco al Monastero di Dečani nel 1985. Nel 1986 si è laureato alla Facoltà di teologia ortodossa di Belgrado e ha poi proseguito gli studi ad Atene fino al 1990, quando è divenuto igumeno del Monastero dei Santi Arcangeli di Kovilj. Molti giovani sono entrati in monastero sotto la sua guida. In quegli anni il Monastero di Kovilj divenne un centro spirituale vivace dal quale sono passati intellettuali, artisti, attori e musicisti rock. Da allora padre Porfirije si è preso cura in particolare dei giovani tossico-dipendenti, per i quali ha fondato la comunità terapeutica “La terra dei viventi”, che ha attualmente più di un centinaio di ospiti in tutta la Serbia. Nel 1999 è stato ordinato vescovo di Jegar, vicario di Bačka, e nel 2014 metropolita di Zagabria e Lubliana.

Despina D. Prassas
Despina D. Prassas ha conseguito il dottorato presso la Catholic university of America nel 2003. Insegna presso il Providence college in qualità di professore associato e pubblica nell’ambito della storia della teologia. Si occupa del periodo tardo-antico e del primo periodo bizantino, in particolare degli scritti monastici e ascetici di Massimo il Confessore. Un’altra area dei suoi interessi è il movimento ecumenico moderno ed è membro di diversi dialoghi ecumenici ufficiali.

Arsenij Sokolov
Arsenij Sokolov, igumeno e biblista, ha compiuto la sua formazione presso l’Accademia teologica di Mosca e il Pontificio istituto biblico di Roma. Nel 2021 ha conseguito il dottorato presso la Scuola di dottorato interecclesiastico “Santi Cirillo e Metodio”, dove attualmente insegna esegesi veterotestamentaria. Dal 2014 al 2022 è stato rappresentante del patriarca di Mosca e di tutta la Russia presso il patriarca di Antiochia e di tutto l’oriente.

Michel Van Parys
Michel Van Parys (1942), priore e poi abate del monastero benedettino di Chevetogne (Belgio) dal 1971 al 1997, membro della commissione Fede e Costituzione del Consiglio ecumenico delle chiese e di numerose commissioni di dialogo ecumenico, sa incarnare la sapienza monastica e la passione per l’unità delle chiese, trasmettendole ben al di là del suo monastero. Dopo aver dimissionato dall’abbaziato, è stato consultore della Congregazione delle chiese orientali a Roma, delegato pontificio per i mechitaristi armeni di Venezia, igumeno per nomina papale dell’abbazia di Santa Maria di Grottaferrata. Ora è padre spirituale del Pontificio collegio greco a Roma. Oltre a essere stato direttore della rivista Irénikon dal 2002 al 2013, è tuttora membro del comitato scientifico dei Convegni ecumenici internazionali di spiritualità ortodossa, che si tengono ogni anno nel Monastero di Bose.

Julija Vidović
Julija Vidović, laureatasi in letteratura francese e in teologia presso l’Università di Belgrado, ha conseguito un dottorato di ricerca presso l’Institut catholique di Parigi, approfondendo il rapporto tra grazia e volontà in Massimo il confessore. Attualmente è professoressa di storia dei concili ecumenici e di bioetica presso l’Istituto teologico ortodosso Saint-Serge a Parigi. All’attività accademica associa l’impegno ecumenico, come membro dell’Associazione francofona di missiologia, e culturale, in qualità di assistente dell’ambasciatore permanente della Serbia presso l’UNESCO.

Christos Yannaras
Christos Yannaras (Atene 1935), laureatosi alla Sorbona e alla Facoltà teologica di Tessalonica, è uno dei più noti e autorevoli esponenti del pensiero filosofico e teologico della Grecia contemporanea. Già professore all’Università Panteion di Atene, è membro di importanti istituzioni quali l’Accademia internazionale di scienze religiose e il comitato internazionale di direzione della rivista Concilium.